Antivaxx di tutto il mondo unitevi

L’Ordine Nazionale dei Biologi si è già affermato in maniera inequivocabile come punto di riferimento nazionale dell’antivaccinismo militante, ma con il convegno organizzato il prossimo 25 gennaio può a buon titolo presentarsi come stella polare dell’antivaccinismo internazionale.

Non era facile invitare e far parlare uno dopo l’altro quei quattro ricercatori che, contro le evidenze supportate dal 99,999999% della comunità scientifica internazionale, insistono nell’affermare che i vaccini sono la causa delle peggiori nefandezze.

Excusatio non petita, sul sito dell’OdB è pubblicato il curriculum dei relatori. Ma basta fare una breve ricerca sulla storia personale di questi speaker per capire quale sia il loro comune denominatore, che poi è il vero motivo per cui sono tutti lì in programma.

Theresa Deisher. Fondatrice del Sound Choice Pharmaceutical Institute, che nella sua missione ha lo scopo di “porre fine alla commercializzazione di esseri umani per la ricerca biomedica”. In pratica è la fonte della grossa bufala per cui per fare vaccini si usano feti abortiti.

Jacob Puliyel. Pediatra al St. Stephen Hospital di Delhi, da sempre in prima fila a cercare di dimostrare (senza riuscirci) che i vaccini siano causa di morte improvvisa.

Crepeaux Guillemette. Tossicologa, professore associato alla facoltà di veterinaria d’Alfort (Parigi), fortemente impegnata (senza successo) a dimostrare la tossicità dell’alluminio in modelli sperimentali su topi. E’ stata recentemente autore di una pubblicazione su Vaccine che è stata ritirata dall’editore dopo aver scoperto irregolarità sulla affiliazione degli autori.

Anthony Mawson. Epidemiologo, il cui unico articolo sui vaccini fu pubblicato e poi ritirato da una rivista online (Frontiers in Public Health) e infine rispedito e pubblicato da una rivista appartenente ad un gruppo editoriale di bassissima qualità (Journal of Translational Science, OAT open access). Questo articolo è da sempre sbandierato nei gruppi anti-vaxx come prova che i bambini vaccinati siano più “malati” dei bambini non vaccinati.

Come avrà fatto d’Anna a sceglierli con tanta cura? Semplice: sono i più citati nei siti e nei blog antivaxx italiani ed esteri. Fate un google su questi quattro nomi e osservate quali siano i primi risultati della ricerca.

Degni anche di nota gli invitati scelti con molta cura nel panorama scientifico nazionale:

Giulio Tarro. Primario di virologia in pensione. Candidato al Premio Nobel.

Andrea Del Buono. Specialista in Medicina Preventiva dei Lavoratori e Psicotecnica – Perfezionato in Fisiopatologia e Allergologia Respiratoria. Esperto in Nutrigenomica e Farmacogenomica. Sono riuscito a recuperare 4 articoli in PubMed di cui lui è co-autore: nessuno di questi, neanche alla lontana è legato a studi sui vaccini.

Armando D’Orta. Medico-Chirurgo, Biologo Nutrizionista , specialista in Scienze dell’Alimentazione. Da molti anni studia la relazione tra alimentazione, cancro e sarcopenia. Allenatore e Insegnante Tecnico di Pesistica e Cultura Fisica. Pubblicazioni su PubMed a suo nome, con tutto l’impegno, non sono riuscito a trovarne. Ma tendo a credere di aver sbagliato a scrivere il suo nome nel campo di ricerca. Non posso credere che sia stato invitato a parlare un ricercatore che non ha mai pubblicato un articolo.

Raffaele Di Francia. Ricercatore, Biologo specialista in Patologia Clinica. Da molti anni si occupa di test di Farmaco-Genomica. Anche su di lui non pervengono ricerche specifiche sui vaccini.

Ecco, questo è il parterre che dovrebbe redigere una consensus (!) su “vaccinare in sicurezza”.

I genitori di tutto il mondo possono ora davvero dormire sonni tranquilli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

About the Author

PL Lopalco
Sono professore di Igiene e Medicina Preventiva presso l'Università di Pisa. Sono un epidemiologo, esperto di politiche vaccinali e medicina basata sulle evidenze. Ho vissuto per 10 anni a Stoccolma dove ho lavorato come responsabile del programma delle malattie prevenibili da vaccini e poi come capo della sezione per la valutazione scientifica nel Centro Europeo per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie (ECDC).

1 Comment on "Antivaxx di tutto il mondo unitevi"

  1. E dov’è la sorpresa?
    Mi chiedo se non sia addirittura peggio fargli pubblicità…

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.